sabato, settembre 13, 2008

COM'E' BUONA LA FATINA CON GLI SHORTS

Per caso mi sono imbattuta in queste immagini terribili e scandalose.
Ma non tanto per la miseria che evocano o per i volti di questi piccoli africani, bensì per la fatina buona che in shorts e orecchini a pendaglio, si presta a dar loro amorevoli cure. Sempre con un occhio rivolto verso il fotografo, naturalmente.
Ho dato una scorsa anche alle amenità che dichiara nell’articolo, ma vi sconsiglio di farlo perché sono parole dette tanto per corredare questo insieme di fotografie senza un senso logico.
Come si può credere alla sua buona fede? Come è possibile ammettere “si, l’abbiamo giudicata male. Questa ragazza è piena di sincerità e siamo noi ad aver sbagliato a pensar mal
e di lei”.
Io, lo ammetto, posso averci anche provato, ma poi trovarmela in versione crocerossina, con i pantaloncini corti e la faccia sofferente come da copione, mi fa ricredere in un battito di ciglia.
L’Africa non ha trovato in lei un prezioso aiuto, semmai è esattamente il contrario, ma il settimanale dal pettegolezzo pilotato, che ha dedicato quasi un numero intero alle sue nozze stile Lady Diana, sta provando una sorta di riabilitazione senza precedenti.
Ma lei non è capace nemmeno di recitare un fotoromanzo, l’espressione da crocerossina con gli orecchini è credibile quanto suo marito che va a cena alla festa del PD.

19 commenti:

flo ha detto...

Nella seconda foto che hai postato sembra stia posando per un calendario.. ma si sarà accorta di posare le manine preziose su un esserino umano spaurito?

Anonimo ha detto...

CarA Miss, le facce degli africani dicono tutto. Non la vogliono manco loro. In particolare il bimbo pare proprio spaventato e come dargli torto? Gli dicono che questi sono civili e gli arriva una che veste meno di loro che sono selvaggi. Mitica Miss.
Magda che no non adotterebbe un africano ma non andrebbe neanche a menare il torrone.

francy ha detto...

Il grande cuore della Eli!

Ma se ne andasse a pulire la cacca di mucca a mani nude, va!
Pensa te se una deve farsi pubblicità sfruttando il dolere, la povertà e le malattie dei bambini!
Non c'è proprio più limite a nulla!

Mibemolle ha detto...

Quella non è africa nera, E' Malindi. La prima foto è scattata al mercato locale, lo riconosco.
Le capanne sono per la strada che va dal Resort di Briatore verso Mambrui...


Ecco, non è la Namibia, per intencerci,la signora era semplicemente fuori dalla sua villa.

(poi ditemi che sono stronza....ma i Kenioti di Briatore fanno volentieri e a meno, dicono che gente come lui rovina le giovani generazioni, perche gli insegna a vivere delle elemosine dei turisti e non a studiare- sentita con le mie orecchie... proprio al mercato locale di Malindi. Come sempre a malindi, nel casinò, trovi Italiani "residenti", emuli di Falvio, che ti fanno accapponare la pelle e vergognarti della tua nazionalità, insegnando alle ragazze un modo molto molto veloce per far soldi. - e qui concludo, senno' parlo fino a dopodomani)

Anonimo ha detto...

Certo che la GREGORACI e la CARFAGNA sono Proprio l 'esempio perfetto di come si fa carriera in Italia.Che schifo !!!Ciao miss.LIA

Virgilio Rospigliosi ha detto...

In effetti non è altro che un set!
Tutto preparato a puntino, lei poco vestita, vabbè il caldo ma quello non vuol dire, i bambini impauriti, quasi obbligati a stare lì, e lei con il sorriso forzato e che appena molla il bimbo si va a lavare le mani.

Avomitevole

LAURA ha detto...

Mi fa sempre più schifo questa donna. Si vede lontano 1 km che è tutto FINTO! Vergogna!

Clelia ha detto...

Sarebbe stata più credibile ad organizzare il gala di beneficenza in popa magna per i bambini africani. Non avevo letto il giornale... ma santo cielo hai ragione... non rcita bene!

buona domenica
un abbraccio

Clelia

Jansen ha detto...

Questa volta Elisabetta mi ha stupito. caspita, non l'avevo mai vista con una maglia addosso :-O

elisa ha detto...

Le ho viste anch'io queste foto...sì ce le potevano risparmiare... cioè la beneficienza che la facciano pure...ma non importa sbandierarla e farci vedere le sue cosciotte all'aria!!!
Ciaoooo

Miss Dickinson ha detto...

Flo, secondo me no, era tutta presa a fissare quell'occhietto che la riprendeva..

Magda, credo anch'io che quei bambini avrebbero preferito qualsiasi altra persona, Giobbe Covatta, un prete a caso, Angelina Jolie, chiunque, ma non lei ;-)

Francy, è esattamente quello che penso. Lei sta cercando di riabilitare la sua immagine e "Chi" è perfetto. Signorini, si sa, se può aiutare la moglie di Briatore si fa in 4..

Mib, parla, parla. Le tue osservazioni sono perfette, anche perchè io non so assolutamente nulla di Malindi, non essendoci mai stata. Comunque avevo sentito dire anch'io che là non ci sopportano, facciamo schifo anche agli africani..

Lia, è come si dice dalle mie parte (riferito alla Carfagna): "cencio dice male di straccio"...

Virgilio, credo anch'io che subito dopo si sia andata a lavare le mani! Ma poi con quei pantaloncini non si può vedere..

Laura, davvero, fa schifo. La finzione è alese e lei non sa nemmeno fare la faccia giusta..

Clelia, ha proprio la faccia da fotoromanzo recitato male, non è buona nemmeno a fare l'espressione contrita come si deve!
Buona domenica anche a te! (anche se un po' in ritardo)

Jansen, che strano eh? ci volevano proprio le creature innocenti per farla rivestire..

Miss Dickinson ha detto...

Elisa, io sono per la beneficenza muta, senza fotografi o telecamere. Ma queste sgallettate lo devono far sapere, altrimenti come facciamo a pensare che sono buone e caritatevoli..

Mibemolle ha detto...

non è che non CI sopportsno, dipende come ci vai...noi facemmo amiciia con 5 ragazzi Kenyoti e abbiamo passato tutto il nostro tempo africano girando con loro (dai safari ai kenyon fino a "casa che la mamma ci ha cucinato il pranzo" ) e non ti rendi conto.
Loro odiano il turista che vuole che Malindi sia una piccola italia e si mangino gli spaghetti alla bolognese ( lo sai che ci sono dei CASEIFICI che poi mandano le mozzarelle in italia , di proprieta di italiani ?o ,all'ingresso del mercato per tursti c'e' scritto "ridiridi che la mamma ha fatto gli gnocchi" ?). Loro odiano i piccoli imprenditori che compano ville (con 60 mila euro) e vivono come pashà (con 1500euro al mese e sono in tanti) ma che poi usano le ragazze come giocattoli,gli uomini come schiavi, insegnano ai ragazzini a mendicare mentre invece dovrebbero studiare, Fanno i padroni con gente che deve dire "si Buana" (non è una presa in giro, in Swahili vul dire si,signore)
Insomma loro amano chi va li per amare l'africa, odiano chi pretende di trasformarla nel suo gidino privato fottendosene delle gente di li, che vive (quando è ricca) con 300 dollari al mese a famiglia.
E' la presunzione che odiano...
In Kenya c'è povertà, è vero, più che altro c'e' POCO, ma la gente sa vivere con poco ed ha molta dignità.
a meno che nelle baraccopoli delle grandi città, in kenya c'è povertà ma non degrado.
e loro odiano chi alleva le nuove generazioni come mendicanti , nuovi schiavi dei bianchi, o peggio, piccola microcriminalità, perchè portano umiliazione e degrado.

Quindi detestano Briatore et similia.

Miss Dickinson ha detto...

Mib, che odino Briatore e simili lo posso capire. Me li immagino questi vitellozzi arricchiti che esercitano solo il potere del soldo.
Grazie delle informazioni!

carmen ha detto...

Io dico che se fosse andata con una gonna lunga l'avrebbero criticata lo stesso...ormai sembra lo sport nazionale criticare sta tipa, boh!

Monicanta ha detto...

beh ...se farsi trombare da uno con la faccia di suo marito non è fare beneficienza... insomma, questa donna è una santa!
Ma tu te l'immagini una notte di sesso con un uomo con la faccia di Briatore... miii un'incubo! Io da quando l'ho visto dal vivo su una spiaggia della corsica faccio fatica a prendere sonno...

Alicesu ha detto...

come cantava Gaber, "Inviati speciali testimoniano gli eventi
con audaci primi piani, inquadrature emozionanti
di persone disperate che stanno per impazzire,
di bambini denutriti così ben fotografati
messi in posa per morire".

Appropriata, eh?

Roberta ha detto...

ci risiamo...la sindrome "angelina jolie" ha contagiato pure lei...puah! ma con quegli orecchini ci sfama un villaggio!

Vera ha detto...

No, ma che brava....è riuscita a mostrare le cosce pure in mezzo alla tragedia. Speriamo che almeno l'abbiano punta le zanzare!!! M'accontento di poco, io.