giovedì, settembre 14, 2017

NON MI SAREBBE BASTATO MAI

Succede che accendi lo stereo in macchina e parte una canzone. Di colpo vieni catapultata in momenti vissuti che ti spezzano il fiato per quanto sono intensi e in men che non si dica ritorni ad un fotogramma preciso che, non si sa come, ricordi ancora alla perfezione. Te che rifai il tuo letto e pensi che questa canzone sarà per sempre quella che ti parlerà di lui. Anche fra 100 anni tutte le volte che la ascolterai saprai che  “tu, tu non mi basti mai” è per qualcuno che poi non è mai arrivato. Non è mai arrivato perché il destino ha virato all’improvviso da tutt’altra parte. Perdite ematiche, ecografia, e bum, tutto finito. Rimane la ninna nanna che avrei voluto cantare a lui, perché inspiegabilmente era Samuel che sapevo doveva arrivare nella mia vita e non Scilla. In quel periodo, che vorrei tanto fosse confuso invece ho ancora nitidissimo nella mente, la vita un po’ mi sorrideva e un po’ mi dava calci nel sedere. Però avevo la prospettiva di avere qualcuno con me che sarebbe arrivato a darmi tante di quelle cose che al confronto quelle che gli avrei dato io erano briciole. Mi sentivo bella, magra, piena di energia e positività. Già sentivo l’istinto forte di protezione per qualcuno che mi cresceva nella pancia e ancora era un puntino minuscolo che, in realtà, nemmeno c’era. Perché c’era ma non c’era davvero e in poco più di due mesi la felicità si è trasformata in inferno in terra. Per anni la canzone di Lucio Dalla non ho potuto sentirla senza farmi venire il groppo in gola. Poi, piano piano, dopo quasi 20 anni ho trovato il coraggio di inserirla di nuovo nella playlist della macchina. Ancora oggi, dopo tutto questo tempo, il primo pensiero va ancora a quel puntino mai formato al quale avevo già dato il nome. Al momento preciso in cui ho scelto questa canzone come ninna nanna per lui. A quanto questo sberleffo crudele ha modificato il corso di tutta la mia esistenza futura. A come sarebbe stato bello il mio Samuel, l’unico e solo vero gioiello della mia vita.

venerdì, settembre 08, 2017

IL TUTTOFARE JEREMIAS

Tra pochi giorni, su Canale 5, avrà inizio la seconda edizione del “Grande Fratello Vip”, ove per “vip” si intende anche, tra gli altri, chiunque abbia poca voglia di lavorare, o un parente famoso, o una buona dose di faccia tosta. Il settimanale “Sorrisi e Canzoni” naturalmente ha dedicato la copertina di questa settimana a questo imperdibile evento ( del quale, ennesimo coming out, io mi cibo per mesi e mesi) mostrandoci volti, nomi e professioni dei partecipanti al reality show. Su tutti, spiccano due personaggi, vuoi per le facce non proprio conosciute a buona parte del popolo italico, vuoi per la dicitura accanto al proprio nome di battesimo. Sto parlando di “Giulia De lellis – esperta di tendenze e Jeremias Rodriguez _ tuttofare.
La prima è la compagna di Andrea Damante, concorrente della precedente edizione, nonché tronista di Maria De Filippi. Ed è proprio ad “Uomini e Donne che il giovanotto scelse Giulia, all’epoca, disoccupata e corteggiatrice. Oggi, per una serie di motivi a noi oscuri, a parte ospitate dalla D’Urso, qualche apparizione a “Bring The Noise” su Italia 1 e un canale Youtube nel quale insegna l’arte del make up, la De Lellis diventa “esperta di tendenze” dalla sera alla mattina.
Ma la professione che più ci incuriosisce è quella del giovane Jeremias: “tuttofare”. Costui è il fratello di Belen Rodriguez. Nessun lavoro, nessuna apparente attitudine, qualche foto su Instagram in cui urina a cielo aperto per le vie di Milano in compagnia del cognato Francesco Monte, una amicizia con Andrea Iannone ed ecco che di botto, oltre che a “vip” diventa anche “tuttofare”. Anche perché dire “vagabondo mantenuto dalla sorella” pareva brutto e poco attinente con la “vippitudine” che per partecipare a questa edizione del Gf è fondamentale. Del ragazzo sappiamo pochissimo, la cosa che salta agli occhi che lavorare non è una delle sue ambizioni. E’ arrivato dall’Argentina ed ha capito che alzarsi presto la mattina in casa Rodriguez fa male alla salute, quindi tutti i membri della famiglia hanno deciso che basta uno di loro a portare a casa la pagnotta. E Belen, che è riuscita a diventare ricca sfondata solo facendo due cretinate alla tv e sui giornali, si è presa l’onere di farsi carico di fratello, sorella e genitori regalando loro una vita agiata e lontana anni luce da quella di noi poveri cristi costretti a sgobbare da mattina a sera.
E Jeremias ha preso la palla al balzo quando gli è stato offerto di stare tre mesi rinchiuso in una casa a chiacchierare, tramare, fumare e poco altro. Praticamente ha trasferito la propria esistenza da Milano a Roma con l’aggiunta di un cachet e di qualche telecamera a renderlo popolare e retribuito. Non è ben chiaro dove andrà la cosiddetta “carriera” del giovane Geremia, la cosa sicura è che guadagnerà senza aver mai fatto nulla nella vita e continuando imperituro a farlo. Cosa che non ci è nuova ma con quella dicitura “tuttofare” si è aperto il pentolone delle vergogne vips, dei mantenuti che nemmeno hanno la dignità di tenere il profilo più che basso, sottoterra. In casa Rodriguez comunque la timidezza non è mai pervenuta, i fratelli di Belen si fregiano di questa parentela come se fossero i figli di lady Diana, orgogliosi e tronfi di questo successo conquistato a suon di scandali e accoppiamenti.
Quindi, aspettiamoci scintille da questo ragazzo catapultato così per grazia ricevuta nel rutilante mondo della trash tv. Capiremo dunque se lo abbiamo giudicato a prescindere o se in realtà costui sia un pozzo di scienza, di talento, di simpatia, di garbo e di educazione. Le foto di lui che urina per la strada forse hanno un po’ fuorviato il mio giudizio, chi di noi non ha mai dato sfogo ai suoi bisogni proprio in centro città? Suvvia, non facciamo troppo le persone civili.

giovedì, agosto 24, 2017

C'ERANO: MISS DICKINSON, UN FRANCESE E UN CANTANTE..

Raggiunta e superata la boa di un’eta nella quale la discesa è più vicina della salita, succede di guardarsi indietro e di passare in rassegna i vari incontri più o meno importanti della propria vita. Recentemente mi  è capitato di trovarmi tra le mani alcune foto dei miei 20 anni. Riallacciandomi al post nel quale parlavo di AsiaNuccetelli mi è venuto spontaneo fare un confronto fra i miei anni di ragazzina e i suoi. Partiamo dal presupposto che, altro coming out, per quanto mi riguarda stiamo parlando del 1986; mettiamo nero su bianco che “ai miei tempi” la chirurgia estetica era roba da jet set ma neanche poi tanto; di internet nemmeno era nato il termine; le dive dell’epoca erano la Cuccarini, la Goggi, la Carrà. Altra ciccia.
Era l’anno delle mie prime vacanza sulla riviera romagnola, nello specifico, Cesenatico, in compagnia della mia amica del cuore di allora, Paola. Ebbene, i 20 anni che ho vissuto io erano ricchi di cotte a lungo e brevissimo termine. Sono partita per le vacanze con la foto in valigia della recente fiammata per il cantante del momento. Una bella avventura che ho già raccontato qui su questo blog, una specie di infatuazione, innamoramento adolescenziale, non saprei nemmeno come definirlo. La foto incorniciata è finita sul comodino dell’hotel Dolores e per i primi due giorni ho sognato le mie vacanze con lui mentre la cara Paola le sognava col suo collega canterino. Era tutto perfetto, sulla carta.
Poi, ecco la prima serata in discoteca, “La Nuit Blanche”, si chiamava il locale all’aperto. Ed è proprio lì che come una apparizione della Madonna di Lourdes, si è materializzato lui. Alto, platinato, biondo. Anzi, alti, platinati, biondi. Patrice e Thierry, due parigini ventenni che di colpo ci hanno fatto dimenticare i cantanti, e anche la foto incorniciata sul comodino dell’hotel Dolores. I miei 20 anni nell’agosto 86, erano scanditi da Samantha Fox, Madonna, gli Hipsway, un biondino fascinoso che non parlava una parola di italiano che per 15 giorni ha rapito il mio cuore e lo ha strapazzato a dovere. E proprio oggi riflettevo sul fatto che quel tipo così francese non lo rivedrò mai più. Si sa, gli amori estivi sono brevi, intensi e senza conseguenze, ma il mio parigino di colpo mi ha mollato dalla sera alla mattina lasciando che gli ultimi due giorni di vacanza li trascorressi a piangere lacrime di disperazione mentre la mia amica ancora sembrava avere un futuro col suo Thierry.
Il punto focale però è che i 20 anni che ho vissuto io erano pieni non di botulino ma di cotte a tempo determinato. Nello stesso momento in cui agognavo un incontro col cantante un po’ famoso, ecco che arrivava il parigino biondo a travolgere la mia vita già piena di emozioni belle forti. E se prima di partire sognavo Milano ad occhi aperti, al ritorno nei miei pensieri esisteva solo Parigi ed un mio eventuale trasferimento in loco. Già, perché nella mia mente infoiata  andavo in Francia e lo cercavo per tutta la città convinta prima o poi di trovarlo in qualche romantico bistrot. Asia Nuccetelli e il suo culo in fuori non so che vita conducono in realtà, ma credo che questi amori travolgenti che ti frullano e ti lasciano senza fiato, neanche abbia idea di cosa siano. Troppo concentrata su punturine e Instagram per patire queste pene sentimentali che allora sembravano dolorosissime ma che oggi rimpiango e ricordo con tanta tenerezza. Anche perché il bel Patrice, del quale non conosco nemmeno il cognome, oggi è una figura sbiadita che non incontrerò mai più nella vita e che sicuramente neanche riconoscerei. E’ un po’ come Dorian Gray, oggi avrebbe 50 anni ma per il ricordo che ho di lui ne ha ancora 20 ed è biondo, alto alto e magrissimo.

Ed è anche per questo che non invidio i 20 anni di Asia e di tutte le ragazze come lei. La ricchezza, gli ambienti che contano, la tv, non daranno loro mai lo stesso stupore che ho provato io al primo incontro con il cantante un po’ famoso e con il parigino Patrice. Il batticuore, l’emozione della mia amicizia con Paola e la condivisione di queste cose bellissime valgono 1000 volte di più dell’ammissione al Grande Fratello Vip o il primo selfie con il naso nuovo e la faccia rinfrescata dal chirurgo. Per non parlare della spiaggia di Cesenatico di notte, io e Patrice mano nella mano nel buio della notte romagnola.
 Formentera al confronto è una bacinella con le papere di gomma.

domenica, agosto 20, 2017

ODIARE PROFONDAMENTE IL KARAOKE

Il karaoke è diventato famoso in Italia per colpa di Fiorello (mortacci sua). Ci ha fatto credere che i cosiddetti “diettanti” in realtà altro non sono che delle versioni sconosciute di Elisa e Mario Biondi quando poi sono solo degli emuli del famoso Pavarotto di “Striscia la Notizia”. E se ne parlo, so cosa sto dicendo, perchè sotto casa mia il più sfigato dei bar me lo propina per tre sere alla settimana come se fossero le serate di Sanremo.
La particolarità del karaoke sta nel fatto che anche i latrati più latrati ottengono una manciata di applausi. Ragione più che valida per proporre tutto il repertorio di Vasco Rossi come neanche la cover band ufficiale. E mentre sei lì che mugoli un “Oh Toffee, Toffee, Toffee”, il gruppo che ti supporta incita, applaude, ride e ti fa credere di avere le potenzialità inespresse. No, ma sei uguale a Vasco, sputato. Intanto continui a gridare a quella povera Toffee che non ti risponderebbe neanche se fossi l’ultimo uomo sulla faccia della terra.
Odio profondamente il karaoke perché è illusorio e cattivo. Fa credere ai cantanti allo sbaraglio che per una serata o due alla settimana i latrati siano incantevoli voci d’angelo perché qualcuno da loro un microfonino in mano. Sarà che anche “La Corrida” per me era depressione pura, ma almeno lì c’era la buonanima di Corrado che non illudeva, anzi, con una risata riusciva addirittura a seppellirli tutti. I cantanti che porgono il microfonino ai dilettanti invece, dopo ogni inequivocabile latrato, se ne escono con un bravo che è la versione censurata di “mifaischifomamipaganotrelireechissenefrega”. Il dilettante dunque, esaltato dalla spontanea e sincera lode del cosiddetto “professionista”, figuriamoci se si ritira a vita silenziosa. No, continua a urlare con una voce che più che pelle d’oca ti invita a prendere la carabina e mirare in mezzo agli occhi. Le ragazze non sono da meno rispetto agli uomini, anche perchè amano cantare in gruppo e di tre voci non ne esce nemmeno una decente. Hanno una potenza nei polmoni che trovo in me solo quando mi affaccio alla finestra e grido loro di abbassare il volume perché stanno dando sui nervi. Però, non so perché, loro non sentono me mentre io invece le sento benissimo.
Il canto è roba per pochi. O meglio, è roba per chi dona al pubblico qualcosa di bello e piacevole da ascoltare. Così, all’aperto, ai danni di persone che dovrebbero vivere le serate estive in tranquillità, è una specie di omicidio impunito. Perché i latrati degli umani con l’esibizionismo alle stelle, non sono un incanto ma un maleficio. Una tortura senza via di scampo. Un’offesa per le orecchie, per il cuore e per la passione che ognuno di noi ha nei confronti della musica. In tre ore di rumore fastidioso, arrivi ad odiare Vasco Rossi, Noemi, Celentano, la Pausini e tutto il repertorio pop italiano. Intanto, gli urlatori convinti di regalare al mondo circostante le loro ugole malate di protagonismo, continuano imperterriti a starnazzare, lieti di trascorrere una calda serata
di metà agosto nell'illusione di essere qualcuno che non saranno mai.
 Odio profondamente il karaoke e tutti i karaokisti all’aperto. La musica è un’altra cosa, qui è come paragonare Rovazzi a Bocelli. Den Harrow a Baglioni. Viola Valentino a Laura Pausini. Anche mettere sullo stesso piano Miss Dickinson e Dexter Morgan non sarebbe cosa. No, anzi, chiedo scusa, in questo caso, teoricamente siamo più vicini di quanto si pensi.

venerdì, agosto 18, 2017

VENTUNO POVERI ANNI

Avere 20 anni non da il passaporto automatico per andare da nessuna parte. Dovrebbe invece darti la spensieratezza ovvia dell’età, quell’euforia che ti spinge in più direzioni senza la consapevolezza di nulla. Si va, si fa e vada come vada.
Asia Nuccetelli, 21 anni, professione “figlia di Antonella Mosetti ex ragazzina di Non è la Rai”, ha tutto quello sopracitato in misura a dir poco spropositata. Il suo avere 20 anni è diverso da quello che è stato il mio e di un miliardo di altre ragazzine. Per lei non esistono regole di nessun tipo, ogni cosa è possibile, anche la più stupida. Intanto la ragazza non ha un ruolo preciso in questa fottuta società. Vive di rifacimenti fisici come noi vivevamo di discoteche la domenica pomeriggio. Come noi ci prendevamo cotte ogni tre per due lei si pompa le labbra e si assottiglia il naso. Come noi andavamo a fare le prime vacanze della nostra vita a Cesenatico, lei partecipa al Grande Fratello Vip con la mamma e ne esce malissimo. Nonostante ciò, la bimba non si dispera. Inflaziona i social, nello specifico, Instagram e inizia a postare foto a pioggia beccandosi lodi e insulti e dichiarando che molte ragazze la imitano cercando di essere fisicamente come lei. O meglio, come l’ha conciata il chirurgo, perchè da ragazza molto molto carina è diventata una specie di Loredana Lecciso versione coniglietta sexy che dubito fortemente possa avere così tante ragazzine al seguito.  I suoi 21 anni sono i 50 anni di una disgraziata qualunque che non riconosce il tempo che passa. Lei non accetta se stessa e si nasconde dietro ad una ragazza che di lei non più neanche lo sguardo. Come possa una mamma avallare simili decisioni dovremmo chiederlo alla Mosetti che difende a spada tratta le scelte di quella figlia tristissima che ormai di se stessa ha solo il nome. E gli atteggiamenti volgari, la sigaretta sempre in mano da femme fatale ormai superata come il biondo platino da pornostar, sono ormai quello che Asia è voluta diventare per andare non si sa bene dove. Sicuramente ovunque basta che non ci sia da lavorare. Dove “Asia Nuccetelli Mosetti” come si firma su Instagram per fermare nero su bianco la sua professione di “figlia di”,e l’immagine che ha costruito con tanta fatica, abbia finalmente un senso compiuto.
Che non avrà mai, mi dispiace Asia, perché quella roba lì non sei te, Non sei quella dello scorso anno nella Casa del Gf Vip e oggi non assomigli a nessuno di reale. Sei una bambola che non da emozione e che lascia perplessi per come è stata disegnata male. 
Peccato per te e per i tuoi genitori che hanno permesso questo disastro, perché proprio di disastro si tratta. E ogni foto che posti è sempre peggio, oggi non sei quella di due mesi fa e domani non sarai quella di oggi. Povera ragazza e povera, poverissima la tua vita.

domenica, agosto 06, 2017

DONNA DI PANZA, L'UOMO LA SCANSA

“Uomo di panza, uomo di sostanza”, diciamo noi donne amanti dell’uomo che non ci importa se sia depilato o con la tartaruga. Non amiamo particolarmente le sopracciglia disegnate e nemmeno il torace glabro da adolescente. La pancia non ci spaventa, qualcuna di noi ama quel simpatico adipe sporgente che fa tanto Jim Belushi. Ci sentiamo protette e rassicurate, anche perché poi non è che lui ci può rimproverare il rotolino sui fianchi dovuto alle abbuffate festive, prefestive o vacanziere, Ci dovrebbe capire e amare così come noi facciamo con la sua trippetta che ci avvolge e ci travolge. Invece no. Partiamo dal presupposto che una single con la pancia è tagliata fuori a priori. Puoi avere la faccia di Mariangela Fantozzi ma se porti la 42 e hai il giro vita di una bimba di 5 anni sei automaticamente ammessa nel rutilante mondo dell’acchiappo feroce. #nonèbellamahaunbelcorpo è il mantra del secolo. Mentre noi donne andiamo molto oltre due ciccette appoggiate dovunque, per l’uomo la forma fisica non è fondamentale ma quasi. La novella delle donne curvy è una specie di leggenda da sfatare. Se sei Jennifer Lopez puoi avere le coscione e il culone. Se sei Vanessa Incontrada già un po’ meno. Se sei Mariah Carey ti distruggono all’istante. Se sei Miss Dickinson, la parola d'ordine è  "grassa". Punto e basta.
La pancia è una roba che non controlli e che ti capita  principalmente dopo aver goduto dei piaceri della vita: mangiare e bere. Oppure nel periodo in cui noi donne diventiamo mature sulla carta, ovvero, la menopausa. In ogni caso la comparsa della pancia non è improvvisa e non ti coglie tra capo e collo come lo starnuto. Ti avvisa, ti dice “guarda che sono a metà strada” e te non ci credi perché sei convinta di correre più forte di lei. In realtà la tua vittoria è irrimediabilmente una pia illusione perché le sue gambe corrono più veloci delle tue. E allora si, una mattina ti svegli e lei è lì che ti impedisce di indossare la maglietta che fino all’anno prima era la tua preferita. Ti guardi nello specchio e ti riproponi di camminare, di non bere, di evitare il pane e i carboidrati. E’ tardi. Lei ti ha acciuffato e non ti mollerà tanto facilmente. Anche perché se ti prende a 20 anni non è niente: a 30 ce la puoi fare. A 40 hai un po’ da lavorare. A 50 te la tieni.
Ed è a quel punto che ti trovi costretta a fare i conti con le tue coetanee che ancora non hanno conosciuto la brutta persona che è la pancia. Le vedi con quei ventrini morbidi e impercettibili e ti domandi come hai fatto ad arrivare al punto in cui sei e come hanno fatto loro a non esserci ancora arrivate. Ti mascheri con maglie informi, dalla taglia 46 passi immediatamente alla 50 e non lo dici a nessuno perché la 50 era la taglia della tua mamma che ora invece porta la 46. I ruoli si sono invertiti e già la cosa ti pesa assai. Ma come si fa a non bere il vino bianco con il pesce arrosto? Come si fa non berlo rosso con la grigliata? Come si fa a non bere la birra con la pizza?  Tutti nemici tuoi ma non della brutta persona che con queste meraviglie ci va a nozze. E comunque le vere curvy sono un po’ abbondanti di ventre, facile essere curvy col corpo di Beyoncè che, a parte la coscia importante, ha tutte le curve al punto giusto.
La sua pancia non è nemmeno a metà strada. La mia invece ormai mi ha superato alla grande. 


domenica, luglio 30, 2017

TEMPTATION LIFE

 “Temptation Island” sta finendo, come l’estate dei Righeira e il bilancio di questa serie è triste quasi quanto il pianto di un povero orfanello. Nonostante ci abbia fatto divertire con Lenticchio, gli strafalcioni, le menzogne, le cose dette e ritrattate, rimane l’amarezza di uno spaccato di gioventù della quale noi un po’ agee’ non proviamo alcuna invidia.
Il dubbio che permane da sempre però è il medesimo: sarà tutto vero? A mente lucida e consapevole diciamo di no senza esitazioni. Nello stesso momento troviamo sincere le lacrime di Selvaggia, di Sara, di Veronica, di Valeria. Ed è proprio Valeria che ci fa nascere i dubbi più recenti. La stiamo vedendo in tutta la sua semplicità, graziosa e apparentemente sincera, ma si sa, in tv tutto è il contrario di tutto e ritrovarla su Instagram così trasformata da piccole modifiche estetiche, diciamo la verità, un po’ ci spiazza. Non so perché ma siamo ingenuamente convinti che le persone cosiddette “normali” non affrontino così a cuor leggero punturine e pompatine  effettivamente non urgenti. Eppure non è così, il mondo reale è pieno di botox sparpagliato qua e là e non ci dovrebbe stupire una Valeria Bigella qualsiasi che decide di modificare leggermente i connotati. Ce n’era realmente bisogno? Oggettivamente no, l’immagine che ci viene rimandata di lei è quella di una gran bella ragazza che, forse, se non avesse toccato con mano questa inutile popolarità sarebbe rimasta con la sua boccuccia senza ricorrere ad inutili e stupidi interventi estetici. O forse no, forse le ragazze di oggi hanno un bisogno ossessivo di perfezione e laddove il loro specchio rimanda immagini falsate, c’è sempre il primo Giacomo Urtis che passa pronto a risolvere problemi inesistenti. Però, il telespettatore medio che trova la Valeria acqua e sapone con il turbante e quella boccona fasulla degna di una subrettina di beleniana memoria, di colpo si sveglia dal torpore del defilippismo moderno. Niente è come sembra, dunque. “Tempation Island” di colpo torna ad essere quello che è sempre stato solo che non ce ne eravamo accorti, presi com’eravamo dai tormenti di Ruben o dai dubbi di Selvaggia. Attori da Oscar? Non lo so, la certezza è che se una coppia decide con consapevolezza di partecipare ad un carrozzone del genere, non può poi piangere per delle ore intere perché i video mostrano dall’altra parte strusciamenti vari e promesse da marinaio. E’ tutto finto ma ci piace pensare che sia vero perché un po’ questo ci rassicura. La gioventù del 2017 rispetto a quella degli anni 80 è più fragile, meno piantata a terra, ossessivamente improntata sull’esteriorità e troppo poco sull’interiorità. E poi ci consola pensare che i nostri figli non siano così superficiali come Antonio e Nicola e nemmeno crudeli come Francesca, ma in realtà è tutto finto ed è come guardare una puntata di una fiction su Canale 5. Magari con Gabriel Garko che alla fine dichiara eterno amore e vissero tutti felici e contenti. Proprio come Nicola e Sara e magari anche come Alessio e Valeria. Dal chirurgo estetico ci è andata dopo essere diventata una stellina di Instagram, tranquilli.