giovedì, giugno 05, 2008

QUANDO LE STERLINE NON PIOVONO DAL CIELO

Finalmente qualcuno si è arreso.
Mi sono sempre chiesto come faciano certi personaggi finiti, col passare degli anni nel dimenticatoio e che ostinatamente persistono nel voler sognare una carriera nello spettacolo, a sopravviere durante il declino.
Ospitate, troni dalla De Filippi, presenzialismo penoso, ma mai un lavoro vero, quasi che fosse una vergogna rimboccarsi le maniche e guadagnarsi da vivere senza avere la telecamera puntata addosso o un microfono in mano.
Boy George ha dovuto prendere atto di non avere più un soldo. Probabilmente nemmeno mezzo, se è stato costretto a vendere magliette in un mercato londinese. Non so bene come funziona in Inghilterra, ma qui in Italia comprare un banchetto ambulante costa l’ira di Dio; in pratica, se fossi sul lastrico non mi potr
ei permettere di comprarne uno, ma questo è un problema mio che non ho venduto milioni di dischi e nemmeno sono un’icona degli anni 80.
Da noi ci sono personaggi che vivono non si sa bene di cosa, durante le interviste dicono di star valutando offerte di lavoro, poi però per anni non li vedi da nessuna parte. Che a loro i soldi cadano dal cielo quando piove?
C’è
questo personaggio, che dopo aver partecipato a L’Isola dei famosi, ma anche prima, viveva in simbiosi con Lele Mora. Mai un ingaggio, mai una copertina, mai un’ospitata, mai un cavolo di nulla.
Ora ha abbandonato Mora e ancora non si vede in giro. E sì che non ha nemmeno 20 anni, quindi l’ipotesi del calendario salva finanze per lei tramonta ancor prima di nascere.
Dunque, evviva Boy George, cioè, poverino mi dispiace per la sua carriera e per le sue traversie, ma almeno ha avuto la consapevolezza di capire che è finita. Male, ma è uno dei pochi che è sceso, disgraziatamente, con i piedi per terra.

19 commenti:

Roberta ha detto...

boy george purtroppo s'e' speso tutto in droga. un paio d'anni fa ha dovuto fare community service sempre per droga, e ha fatto lo spazzino per le vie di new york (credo fosse new york). magari il vendere magliette sara' un altro community service. Che dire? triste, certamente...

LAURA ha detto...

Non riesco ad immaginarmi una nostra mezza star-tronista che va a vendere magliette. Tanto di cappello a Boy George.

Mibemolle ha detto...

In italia se non sei figlio/nipote di un politico o uno che ha santi in vaticano et similia costa l'iradiddio fare qualsiasi cosa.se hai dei soldi e pensi che investirli in una piccola azienda sia un ideona, senza le suddette spalle coperte, finirai solo ad ingrassare i portafogli di quelli che la spinta ce l'hanno. con le tue tasse. Finche i soldi che volevi investire non li hai finiti, e dopo di te arriverà un altro e via cantando,loro magnano sempre.
secondo: in italia se hai fatto le finali di canto della sgara dell'oca arrosto gia ti senti una star.
Se per caso ha cantato una sigla mediaset negli anni '80 e peggio sei passato una e una sola volta a sanremo (magari "giovani") allora sei un semidio. Girerai tutte le feste paesane del mondo con ancora sul cartellone scritto "direttamente da sanremo" e magari son passati 30 anni... e camperai di quello.(ne conosco personalmente a secchi di questa gente) Per non parlare di chi un po' di tv l'ha fatta davvero...
cavoli, hanno inventato un efficientissimo metodo di riciclaggio della spazzatura televisva ( i reality) dove la mondezza dimenticata aumenta pure di valore, e non si trova una soluzione per l'immondizia delle strade???
scusate , sono in delirio, parlo troppo :D

Jansen ha detto...

beh, se il signor Boy George non avesse sperperato i suoi soldi oggi camperebbe da Dio. chi è causa del suo mal pianga se stesso. comunque, proprio la Ribas fa la speaker su Rtl, per cui qualcosina fa. però è vero, io mi chiedo spesso quali siano le fonti di reddito di gente come Carmen Di Pietro o Flavia Vento...

Matra ha detto...

Boy George, ha speso un sacco di soldi per cambiarsi il sangue regolarmente (oltre alla droga, naturalmente). Finché ha venduto dischi ha potuto permetterselo...
La Ribas invece, nonostante l'aiuto della sua amica sVentura non ha mai combinato nulla.
Aveva una "sua" trasmissione su Telenova ma poi è stata allontanata per lo scandalo dello strip a pagamento su internet...
Ora va alle convention...inaugura centri commerciali e pizzerie al taglio...fa la madrina alle sagre paesane...accompagna Simona a fare shopping...
Insomma, come dimostra Vallettopoli, è una che si da da fare...

flo ha detto...

In che mercatino vende le magliette Boy George?!

Isabel Green ha detto...

beh credo che sia più decoroso così che non fare appunto come certa gente che va avanti ad oltranza abbassandosi a fare qualsiasi cosa :)

Angie ha detto...

Dispiace sul serio..dato che l'ho amato molto..che tristezza cara Miss..se il batterista ci stava..forse la sua vita sarebbe stata diversa..!
;-)

Alicesu ha detto...

Ma come ha fatto a mangiarsi tutti i soldi? L'icona degli anni '80, intendo.

Miss Dickinson ha detto...

Roberta, me lo ricordo quando era spazzino, e forse hai ragione, anche stavolta farà community service. Da qualche parte ho letto che è proprio in miseria nera e se così fosse, il fatto di essere sceso sulla terra, gli fa onore.

Laura, è vero, in Italia piuttosto vendono se stessi ma le magliette a un mercatino (a meno che non sia per beneficenza e con le telecamere al seguito) nemmeno in un'altra vita!

Mib, condivido in pieno tutto quello che hai scritto. In Italia siamo più faciloni, pensa a Fefè del Grande Fratello non so che numero. Dopo NON aver vinto, ancora non si è arreso al lavoro, è stato indagato per sfruttamento della prostituzione, fa le serate in discoteca, ma di fatica vera nemmeno l'ombra.Ah, ha pure fatto il tronista! questo per sottolineare la diversità di situazione e la mancata volontà di rimanere con i piedi per terra. Però è anche vero che se glielo fanno fare e la vita ancora non l'ha schiaffeggiato come si deve, fa anche bene a continuare così..

Jansen, la Ribas ora lavora (non lo sapevo, grazie dell'informazione!), ma quando era con Mora la si vedeva sempre appiccicata a lui, al suo tavolo al Billionaire, nella sua villa in Sardegna, ma in tv non c'era mai. Che strano..

Matra, ecco, io non l'ho nominato ma l'hai fatto tu: vallettopoli.
Sarebbe tutto chiaro, a voler essere malpensanti, e la Ribas è proprio la tipica persona sulla quale era facile malignare. Ora lavora in radio (l'ho scoperto grazie a Jansen) e qualche soldino se lo guadagna lavorando. Ed è anche vero, che le inaugurazioni e le sagre di paese per certi personaggi sono una fonte di reddito mica male.

Flo, ora cerco l'articolo e poi te lo dico!

Isabel, è sicuramente più dignitoso, altro che! :-)

Angie, che ridere mi hai fatto con la cosa del batterista.. :-)
Comunque mi sa che il batterista c'è stato a suo tempo, solo che poi probabilmente la storia non è andata a buon fine. Ah, l'amore..

Alice, credo con lo sperpero selvaggio, con la droga, con gli avvocati che lo hanno tirato fuori dal carcere. E poi ora era diventato disc jockey e non credo che guadagnasse le stesse cifre dei tempi dei Culture Club.

Anonimo ha detto...

La Ribas resta un mistero per me! Evviva Boy Geroge! Bacione Betta

Suysan ha detto...

Tanto di cappello a Boy George..sempre che sia vero che va a vendere magliette e non sia una trovata pubblicitaria

caterinapin ha detto...

Poverino, lo avevo visto su Repubblica online al suo banchetto e mi aveva fatto tenerezza...
Ne vedrei tanti di nostri sfaccendati dello spettacolo al posto suo!!!!
Un bacio cara e buon weekend!
Cate ;)

http://www.lateoriadeigorghi.splinder.com/

Virgilio Rospigliosi ha detto...

Poveretto! Comunque ha avuto la sua dignità. In Italia lo avrebbero forse riciclato con qualche Isola dei famosi, Talpa o Pacchi vari come hanno fatto con Pupo per esempio. Allora meglio il banchettino.

Ciao

Clelia ha detto...

Che pena! Gli artisti italiani nel dimenticatoio fanno di tutto per riemerge, tra reality shows interviste da Cucuzza e nelle trasmissioni del Sabato cercano di risalire la china. C'è poi chi si è dato alle telepromozioni di pentole e materassi ( Vedi il celeberrimo Mastrota e Patrizia Rossetti ex prima donna di rete 4). Ma che tristezza... Boygeorge insegna: Andate a lavorare... anzi iniziate a lavorare!

Miss Dickinson ha detto...

Betta, la Ribas è un mistero un po' per tutti!

Suysan, pare che sia vero, anche perchè credo che sia normale per qualcuno finire in miseria. E lui è l'unico, o almeno uno dei pochi, che si è rimboccato le maniche.

Cate, è vero, fa tenerezza. I nostri vippini non ce li vedresti mai, poveri citrulli.

Virgilio, molto meglio il banchettino, sì. Lui ha avuto coraggio e dignità, è vero, i nostri sgallettati piuttosto vanno a mangiare vermi a "La Talpa", ma di lavorare non ne vogliono sentir parlare.

Clelia, bravissima, "iniziate a lavorare"! Ma qui non c'è verso, qualsiasi cosa, basta che non si faccia fatica. I nostri ex divetti o presunti tali, cercano sempre il loro posticino al sole e la cosa triste è che spesso lo trovano anche! :-)

Avanguard ha detto...

Mi spiace per Boy George ma come hai detto tu, è giusto capire quando è ora di scendere dal carro :D Riguardo alla Ribas, sai dov'è finita? A far l'attrice nelle fiction de Il Bivio ahah :D

Caustica ha detto...

E' giusto così e anzi molti altri dovrebbero seguire quest'esempio e leggere questo post :)

Miss Dickinson ha detto...

Avanguard, tu e Jansen mi avete davvero illuminato sulla Ribas! ne avevo persa ogni traccia, poi invece mi dite che lavora in radio e fa l'attrice per Il Bivio.
Rimane il fatto che abbandonare Lele Mora le ha fatto benissimo, prima viveva in simbiosi con lui e secondo me si occupava d'altro, oggi perlomeno brilla anche di luce propria..

Caustica, grazie, ma forse più che leggere questo post dovrebbero arrendersi all'evidenza. Ma sono sempre in pochi a rendersene conto..