martedì, luglio 08, 2008

UFFICIO CASTING : NOVELLA 2000

Il cine-cocomero è la versione estiva, secondo i fratelli Vanzina, del cine-panettone. Un tentativo coraggioso di portare le famiglie al cinema anche in estate, proponendo qualcosa di nuovo che non sia l’ennesima replica in cartellone di qualsiasi località di villeggiatura.
Io non ho visto “Un estate al mare” e non per una qualsivoglia forma di snobismo, ma solo perché non mi piace il cast e nemmeno questo tipo di film all’italiana.
Una cosa però che mi stupisce è la presenza di Gigi Proietti.
Posso comprendere l’esigenza di lavorare e di raggranellare un bel po’ di euro, ma il solo fatto di apparire nella stessa pellicola in cui appaiono Anna Falchi e Alena Seredova, per un attore del suo calibro, è sinceramente avvilente.
Ambedue nascono, artisticamente parlando, non si sa cosa. La Falchi, immediatamente dopo la fine del suo matrimonio con Stefano Ricucci, è tornata a lavorare con una preoccupante assiduità. Non ne fa bene una, ma anche lei è della serie” non so fare nulla ma tanto qualcosa mi fanno fare lo stesso, quindi, perché perdere tempo ad imparare?”.
La Seredova è simpatica come un sasso in una scarpa stretta e professionalmente si è mossa un po’ su tanti fronti senza avere ben chiaro in testa quale dovrebbe essere il suo futuro. Di certo è la madre del figlio del portierone Buffon, e questa cosa ormai è chiara come l’acqua di Porto Cervo.
Poi c’è Lino Banfi, che dopo tutte quelle arie sul cambio di rotta, è tornato a fare queste commedie buttate giù alla meno peggio, lasciand
o perdere l’ambizione che lo aveva portato a misurarsi anche su altri fronti.
Sarà che ci sono delle attrici, come le due sopracitate, che secondo me sono capaci di rovinare qualsiasi cosa. Non sono brave e invece mi sembrano convinte di esserlo; purtroppo attrici di commedie non ci si improvvisa, mi viene in mente Monica Vitti e penso che come lei ancora non ci sia nessuna. Ed è questo, a mio avviso, l’errore più grande del nostro cinema: puntare su personaggi così, belle donne senza nessuna formazione, solo un bel corpo e un nome da copertina.
Invece di preoccuparci soltanto di far bene films più importanti, sarebbe l’ora che qualcuno si ricordasse che i grandi attori e le grandi attrici sapevano anche far ridere, e sapevano farlo benone.
E i produttori riuscivano a mettere insieme un cast degno di nota, senza bisogno di spulciare gli ultimi numeri usciti di Novella 2000.

21 commenti:

LAURA ha detto...

Non ne posso più di questo genere di film italiani, mi fanno davvero schifo e cerco sempre di evitarli accuratamente in ogni modo!

caterinapin ha detto...

Che tristezza infinita!!!
Poi parlano della crisi del cinema italia! E' ovvio che questo genere di film non può risollevarne le sorti.
In quanto a Proietti, bè che dire, evidentemente i soldi fanno gola anche ad un bravo attore che potrebbe permettersi molto di più, è chiaro.
Sai un'altra cosa che mi fa tanta tristezza?
Il vedere che la tv sta stritolando il cinema! Vedere attori (hollywoodiani) che si sono dati ai telefilm, è un chiaro segno del totale decadimento del cinema a mio avviso! Una volta la scissione era chiara, c'erano gli attori cinematografici e quelli televisivi, ora c'è un gran mescolone e mi pare che stia diventando più prestigioso essere protagonista di un serial tv che di un film!
Non ti pare strano?
Bho sarà che a me la tv prende poco, per cui mi spiazza un po' questo nuovo trend...
Un bacione cara
Cate :***

http://www.lateoriadeigorghi.splinder.com/

Ornella ha detto...

Condivido ogni tua singola parola! Proprio l'altro giorno nel vedere il trailer del film da te citato mi sono chiesta " Ma che ci fa qua Proietti?" Che amarezza vedere come per facili guadagni, un artista del suo calibro, maestro per molti, riesca a calpestare la dignità della propria professione.

Clelia ha detto...

Sinceramente non mi sarei mai aspettata che un Maestro come Proietti si "misurasse" con le commedie all'italiana novo stile ( attricette carine ma senza alcun talento!. Mi viene rabbia, una rabbia incontenibile quando penso che in Italia ci sono attori e attrici che studiano tanto, recitazione e dizione e fanno tanta gavetta. Ironia della sorte alcune attrici di teatro locali sono anche molto belle ma non emergono...ma chissà poi perchè? Attrice del calibro di Monica Vitti, capace di far ridere e pensare non ce ne sono in giro! Che peccato!

Clelia

Caustica ha detto...

Purtroppo non è questione di snobismo. E' che proprio queste pellicole non si possono guadare. In America hanno i film demenziali con Tori Spelling e Tiffany Tiessen, qui abbiamo questo che è demenziale anche solo nella realizzazione

Angie ha detto...

..la cosa più triste è che tra un decennio..spacceranno anche queste porcate come dei "cult"...una tragedia!!!!!
:-(

Signor Ponza ha detto...

Io non ho grande stima di Proietti, ma è una cosa personale. Però posso confermare che il film è davvero orribile e che Proietti è l'unico elemento di qualità, detto da uno che non lo stima.

Roberta ha detto...

cara miss, mi trovi d'accordo con te su tutta la linea. Anche per me e' un mistero come certe persone riescano a lavorare nel campo del cinema...che depressione!

Miss Dickinson ha detto...

Laura, e secondo me fai bene. Ci sono alcune commedie gradevoli e ben recitate, ma questa, vuoi anche per certi componenti del cast, secondo me non deve essere quel granchè.

Caterina, quello che dici sugli attori e i telefilm, è vero. Però c'è da dire che certi prodotti televisivi sono molto buoni, il cinema ultimamente è quello che è e riciclare una carriera a volte non è poi così male.
Mi stupisco quando vedo artisti come Proietti, venduti a commedie di questo tipo. Si vabbè, i soldi fanno gola, ma non credo che per la sua carriera sia un passaggio poi così importante.
Un bacione!

Ornella, è la stessa cosa che ho pensato anch'io. Mi è molto dispiaciuto vederlo partecipare a un film come questo, ma, guarda, ti dirò, non tanto per la qualità del prodotto, ma piuttosto per il cast. Victoria Silvsdedt, Anna Falchi, Alena Seredova, Enzo Salvi..

Clelia, le attrici vere, per commedie di questo genere, sono prese in pochissima considerazione. Sembra quasi che la scena debba essere solo ed esclusivamente degli uomini, anche se, un Enzo Salvi non è che sia tutto quel talento.
Di Proietti mi sono tanto meravigliata. Le critiche dicono che il suo episodio è il migliore in assoluto,sai che sforzo, solo per come sarà recitato!

Caustica, guarda, piuttosto il genere demenziale, che almeno è scemo e chi lo fa è consapevole di fare qualcosa di quel genere, ma queste commediole che vorrebbero essere per tutta la famiglia, sono peggio del peggio. Hai detto bene, in America per cose di questo tipo ci sono un certo tipo di attori, noi abbiamo Gigi Proietti che è 10 spanne superiore e lo utilizziamo in maniera così cretina. Non so cosa sia preso a lui, a questo punto credo un disperato bisogno di soldi..

Angie, di questo ne sono quasi sicura anch'io. Dopo aver sdoganato Giovannona Coscialunga o Quel gran pezzo dell'Ubalda tutta nuda e tutta calda, questo mi sembrerebbe il minimo!

Signor Ponza, ora sono curiosa di sapere perchè non stimi Proietti.. ;-)
Comunque, ho letto anch'io che proeietti è stata l'unica cosa buona di tutto il film, la mia domanda però è sempre questa, nonostante tutto: perchè l'ha fatto? ragioni economiche, va bene, ma ugualmente per me ha fatto un grandissimo errore.

Roberta, senti, siccome sono un po' malfidata, nel caso di qualcuno del cast femminile, un'ideina cel'avrei.. ;-)

Jansen ha detto...

è la realtà del nostro cinema, cara Miss. mancano i grandi registi, mancano le idee e il pubblico vuol vedere solo robaccia. e così uno come Proietti, se vuole fare cinema, deve abbassarsi e accettare copioni del genere...

Roberta ha detto...

beh, miss, se l'ideina e' quella che penso anch'io, allora non e' un mistero per nessuno!

Avanguard ha detto...

Non ci si stupisce più di niente però ci si può "arrabbiare" per certe cose. Per Proietti innanzitutto, proprio come giustamente hai detto tu. E poi un'altra cosa. Mi fa tristezza che una canzone come Un'estate al mare, splendida, apparentemente allegra ma in realtà malinconica e carica di significato, presti il titolo ad un film che definire film è quasi un oltraggio e ne sia per giunta la colonna sonora. Dove finiremo :-)

gds75 ha detto...

ho la spiegazione del perchè proietti lavora coi vanzina.
è una sorta di affetto familiare.
il grande successo di proietti lo si deve a quell'indiscusso capolavoro della commedia che è Febbre da cavallo del grandissimo Steno.
Ebbene i Vanzina (seppur degeneri) sono i figli di Steno.
Quindi prevale il lato affettivo su quello professionale.... almeno spero :D

Miss Dickinson ha detto...

Jansen, è vero, nel nostro cinema mancano troppe cose, ma soprattutto manca la voglia di rischiare, mancano i soldi e manca la volontà di produrre cose di qualità, anche se non ti fanno arrovellare lo stomaco dalla tristezza.

Roby, mi sa che l'idea è proprio quella lì..

Avanguard, bravissimo, la canzone.
Uno spreco, ed è evidente che nessuno si è soffermato sul reale significato. Il titolo era quello ed era abbastanza, il resto è tutto relativo ^___-

Gds, la tua spiegazione non fa una piega e ci può stare sicuramente. Aggiungici anche il fattore economico, ciò non toglie che per Proietti è stato un po' uno svilimento lavorare con Ezio Greggio, hai voglia a provare affetto per i Vanzina..

Virgilio Rospigliosi ha detto...

Diciamo la verità le 2 in questione non sono state assoldate per le loro qualità artistiche ma solo per mettere in bella mostra i loro lati A e B perchè il lato C (come cervello) è grande come quello di un pulcino (di gallina sarebbe troppo grosso) e quindi c'è poco da mettere in mostra. Per il resto a volte questi filmetti mi hanno fatto ridere se azzeccati. "Fratelli D'Italia" per esempio, lo so che è una stronzata galattica ma mi fa sorridere anche ora quando lo vedo.

Alicesu ha detto...

mi chiedo come faccia la gente ad andare a vedere questo film. Non per una forma di snobismo, io vedevo "vacanze di natale", il primo intendo.
Ma questi sono non solo una fotocopia uno con l'altro ma hanno le stesse battute, non fanno ridere minimamente e sono di un maschilismo annichilente.

francy ha detto...

Basta basta basta! Non se ne può più di questi film spazzatura!

Vera Slobosky ha detto...

E' l'involucro ciò che conta...che tristezza, davvero! E Proietti, credo si sia unito al gruppo per soldi.

Anonimo ha detto...

Non vedrei un film così neanche morta. Anche perchè di attori c'è solo Proietti. E da solo non mi convince ad andare al cinema.
Bacione
Betta

LAURA ha detto...

Sei stata nominata, se ti va passa da me :)

Miss Dickinson ha detto...

Virgilio, ma infatti ce ne sono stati di filmetti di questo genere, anche carini.
Mi dispiace appunto quando vedo questa specie di attrici che lavorano al posto di professioniste serie e Gigi Proietti che si vende a robe così. Ciao!

Alice, ti capisco benissimo. Non c'entra essere snob, anch'io Sapore di mare e vacanze di natale anni 80, quello con Amendola, la Sandrelli e calà, per capirsi, l'ho visto l'ultima volta pochissimo tempo fa.
Qui c'è anche il cast che non invita, sarà che non ne sopporto uno, in primis Ezio Greggio che mi sembra dappertutto senza che sia capace di fare quasi nulla, tranne presentare Striscia e Veline!

Fracy, sono d'accordo con te!

Vera, anch'io credo che i soldi siano stati tanti e Proietti non abbia saputo resistere. Le due belle della brigata, beh, specialmente una, credo abbia diversi santi in paradiso..

Betta, no di certo, se pensi che Proietti partecipa solo a un episodio..

Laura, arrivo!