lunedì, marzo 31, 2008

LA ZINGARA DAI PIEDI RIFATTI

Paola Barale è bella, caratterialmente mi sta più simpatico un carciofo fritto, però devo riconoscere che fisicamente è indubbiamente da tenere in seria considerazione.
Di cosa si occupa questa signora? Oggi conduce una vita da zingara, si dedica principalmente a tenere i suoi 40 anni sotto controllo, con ginnastica, dieta e interventi vari ,e in più, nelle sale sta circolando un film che la vede tra gli interpreti. “Colpo d’occhio” di Sergio Rubini, anzi, qualcuno l’ha visto?
Io no, quindi non mi posso permettere di giudicare la sua prova d’attrice più importante.

Mi limito però a segnalarvi la notizia che ci racconta che la Barale, ha avuto il coraggio di operarsi ai piedi perché non le piacevano le sue dita e finiva che non metteva mai i sandali.
La cosa mi ha lasciato un po’ così, perché per il mio modesto parere, evidentemente da provincialotta retrograda e ottusa, dopo essersi rifatta mezza ed essere bellissima dappertutto, non riesco a capire quale possa essere stato il problema dei piedi.
Ma questo è indicativo di come questa donna abbia basato quella che era la sua carriera, e che forse sarà ancora, principalmente sul lato estetico. La sua vita è costellata di bellezza, a partire dal fidanzato mozzafiato, che le ha insegnato come la vita sia meravigliosa, soprattutto vagabondando da un continente all’altro sempre col portafoglio gonfio e un’inesauribile voglia di vivere.
Ha scoperto l’acqua calda, dico io, se non sbaglio sarebbe un po’ il sogno di tutti noi poveri tapini che andiamo in vacanza, quando va bene, due quindicine l’anno.
Ora si è messa in testa di voler fare l’attrice, ma secondo me anche in questo caso detterà le sue condizioni. Per una zingara come lei, stare qualche mese nello stesso posto senza volare a Bali nella villa sua e di Raz diventerebbe un sacrificio che giammai sarebbe disposta a fare.
Lei ha capito come si sta al mondo, mica noi.

15 commenti:

Roberta ha detto...

ma cosa vuoi che ti dica mia cara Miss? anche io sarei felicissima di condurre una vita da zingara, e dedicarmi esclusivamente alla cura dell'anima, del corpo e dello spirito, ma purtroppo sono nata cosi': squattrinata e non certo somigliante alla barale, anche se i miei piedi sono decisamente carini! Ti svelo un piccolo segreto riguardante il film di rubini: un certo attore di cui non faccio il nome e' stato a casa della sorella di una delle mie migliori amiche, perche' una parte del film e' stata girata nella villa del di lei marito. la mia amica non ha potuto rivelare nulla fino a che non sono finite le riprese per evitare scene isteriche di massa di ragazzine piangenti (e qui senza fare i nomi dovresti aver capito di chi parlo...)

viola21 ha detto...

però lo voglio pure io quel razdeganlì! :)

pensierorosa ha detto...

una volta che entri nel tunnel della chirurgia estetica secondo me non ne esci più!!!

viva madre natura

Suysan ha detto...

Veramente non le manca nulla...bella, ricca, gira il mondo con accanto un uomo meraviglioso...i problemi (anche se ai piedi) se li va a cercare !!!!!

Jansen ha detto...

che dire, beati loro. però vorrei capire come cacchio fanno questi due a fare la bella vita senza lavorare praticamente mai!...

Robba12 ha detto...

oddio, gnocca lo era una volta... comunque, potessi farlo io :)

Anonimo ha detto...

Esteticamente io la trovo davvero bellissima, ma pensare che si faccia operari i piedi (l'avevo letto anch'io) mi sa di follia! Un bacione Betta

LAURA ha detto...

Mi è capitato una volta di leggere il suo blog in cui descrive i suoi viaggietti per il mondo e allora mi è balenata subito in mente una domanda: ma questa dove li prende tutti sti soldi? Perchè lei può viaggiare e divertirsi senza avere un lavoro fisso? E poi Paola Barale che lavoro fa? Presentatrice, stilista, attrice? Non l'ho ancora capito...

Matra ha detto...

Per una volta vado contro corrente.
A me Paola Barale non piace neppure fisicamente.
Cioè...intendiamoci...si parla sempre di categoria superiore...ma la trovo del tutto priva di fascino e personalità.

ANIA ha detto...

Lei e' il frutto di quell'italia che tutti noi deprechiamo. Un paio di anni fa si è presentata come ospite a Buona Domenica e il pubblico l'ha accolta addirittura in "Standing Ovation" manco avesse fatto qualcosa che valesse la pena di ricordarla ai posteri. Mia nonna mi diceva sempre al telefono che nella sua vita da contadina del sud aveva trascurato i piedi e quindi adesso non riusciva più a camminare bene. Che abbia parlato anche lei con nonna Maria?
Un abbraccio
Ania

Miss Dickinson ha detto...

Roberta, come ti capisco, anch'io non sono nata come la Barale (oddio, lei si è anche un tantino aiutata, siamo sincere..) e noto tantissimo la differenza:-))Ho capito chi è il personaggio di cui parli, gran bel figliolo, fortunatissima la sorella della tua amica! (oltre che per il fatto di avere avuto lui in giro per casa, anche per quello di vivere una bella villa! :-)))

Viola, è bellissimo, ma secondo me è peso come 3 tonnellate di catrame!

Pensierorosa, lei ci è entrata con tutte le scarpe e non ha idea di come fare a uscirne fuori!

Suysan, è quello che penso anch'io. Cosa mai avranno avuto i suoi piedi da aver bisogno di un intervento di chirurgia? E' proprio vero che non la vita non siamo mai contenti..Cioè, io mi accontento di molto meno, ma la Barale, mi pare di capire, invece no.

Jansen, è quello che ho sempre pensato io. Forse vive con le pubblicità che fa, i gioielli, gli occhiali, poi ora è diventata anche stilista (di gioielli)..
Non lo so, a loro i soldi fruttano, a me scompaiono alla velocità della luce!

Robba, beh, io direi che ancora oggi non è poi tanto male..
La sua comunque è una vita da favola, il sogno di tutti..

Betta, forse un po' di follia c'è davvero, mi sa..

Laura, io credo che lei viva con il suo lavoro di testimonial, anche se per fare la vita che fa, ci vuole un pozzo senza fondo. Questo è il mistero insoluto di Paola Barale..

Matra, ecco, se mi parli del fascino, ti posso dare ragione. E' bellissima, ma evidentemente le manca qualcosa che la rende speciale e la sua carriera che va a rilento ne è la conferma lampante (a parte il fatto che lei e il lavoro, secondo me, hanno litigato da piccoli);-)

Ania, quella della "standing ovation" me la sono persa, ma ricordo quanto era adorata quando ancora era tra i conduttori del programma. L'unica cosa che faceva benissimo, era quella di indossare gli abiti che, forse, qualcuno sceglieva per lei. Dettava la moda, è bellissima e questo al giorno d'oggi basta per diventare qualcuno. ^___^

alicesu ha detto...

... Io detesto la Barale e tutte le donne che riducono l'essere femminile ad uno stereotipo camminante.
Che cosa hanno imparato a parlare a fare?

stella-marina ha detto...

Allora, io il film l'ho visto e non è che mi sia piaciuto un granchè... lei all'inizio non l'avevo neanche riconosciuta, e si che il suo nome l'avevo letto sui titoli... Porta quasi sempre dei gran occhialoni e fa la bambolona di plastica, perfetta per la parte. Tutto sommato non se l'è cavata male... Io non ho nulla contro la chirurgia plastica, ad averci i soldi, ma quando si esagera, si esagera... e che avranno avuto mai 'sti piedi... Un abbraccio :-)

Monicanta ha detto...

Si.. bella è bella... ma dopo tutti gli interventi che si è fatta te credo.. pure io a quest'ora sarei un gran bel pezzo di gnocca!

Mimmo ha detto...

meglio un calcio ai marroni che la Barale.
Mi sta sugli zibidei.
è più forte di me...